eToro
Plus500
Valutazione: 4.42 43 voti
 

Le spese di mediazione dei broker

I broker Forex vi permettono di investire online sulle azioni di Borsa senza passare per i metodi tradizionali proposti dalle banche. Per le loro prestazioni non vi vengono fatturate delle spese di mediazione in senso proprio: la remunerazione dei broker si realizza tramite un’altra forma di spese definita “spread”.

 

La differenza tra spese di mediazione e spread

Le spese di mediazione abitualmente proposte dalle banche e dai mediatori specializzati corrispondono generalmente ad un importo fisso per transazione o ad una percentuale di commissione su ciascuna transazione se non addirittura le due cose al tempo stesso.

Nel caso dei broker online il metodo di remunerazione è molto differente e passa dallo spread. Tali broker, infatti, non fatturano nessuna spesa sulle vostre transazioni ma guadagnano del denaro semplicemente permettendovi di prendere la vostra posizione all’acquisto leggermente al di sopra della quotazione reale della Borsa o la posizione di vendita leggermente al di sotto. La differenza tra il corso reale dell’attivo ed il corso al quale viene venduto o acquistato viene chiamato “spread”.

 

Come vengono calcolati gli spread fatturati al posto delle spese di mediazione dei broker?

È importante sapere che a seconda del broker, ma anche a seconda dell’attivo trattato, gli spread possono essere fissi o variabili. Uno spread fisso non riserva nessuna sorpresa e voi saprete in anticipo quanto potrà costarvi la posizione mentre gli spread variabili vengono determinati in funzione dell’interesse di un attivo in un momento specifico e possono risultare più costosi.

In termini generali, alcuni attivi borsistici beneficiano di spread più interessanti di altri. È quindi indispensabile consultare gli spread di differenti broker sui valori che vi interessano per sapere quale sia il più vantaggioso.
Ovviamente, gli spread sono comunque più interessanti delle spese di mediazione abituali in quanto in definitiva sono molto più economici, cosa che spiega in gran parte il successo dei broker online.

 

Le altre spese fatturate dai broker

Sebbene i broker non fatturino spese di mediazione ciò non significa necessariamente che si limitino ai soli spread. Infatti la maggior parte dei broker online fatturano anche alcune spese aggiuntive in particolare in caso di prelievo degli utili al di là di un certo importo o con un metodo di pagamento specifico.

Tuttavia, tali spese sono basse ed insignificanti rispetto alle spese di mediazione delle banche, senza contare che anche gli istituti di mediazione classici fatturano alcune spese in caso di prelievo totale o parziale del capitale.

Trattate in Borsa con il minimo di spese possibile

I broker che vi consigliamo in questo sito propongono quasi tutti degli spread fissi e delle spese di prelievo molto basse. Potete quindi trattare in Borsa tramite loro senza rovinarvi e risparmiare notevolmente.

I CFD sono degli strumenti complessi che presentano un elevato rischio di perdita rapida di capitale a causa dell’effetto leva. Una percentuale di conti di clienti privati compresa tra il 74% e l’89% perde denaro in occasione della negoziazione di CFD. Per utilizzare questi strumenti è indispensabile essere certi di comprendere il funzionamento dei CFD e di potersi permettere di assumere l’elevato rischio di perdere il proprio denaro.