eToro
Plus500
Valutazione: 4.52 29 voti
 

Come investire sulla Borsa di New York?

Investire sulla Borsa di New York è un’idea che affascina molti trader in Europa e in tutto il mondo. Questa piazza finanziaria situata a Manhattan è infatti quella che detiene il record mondiale di capitalizzazione e di volumi di scambi quotidiani. Il NYSE (New York Stock Exchange) e il Nasdaq sono i due più grandi mercati borsistici al mondo e offrono un’elevata liquidità con delle azioni note a livello internazionale ma per trattare in maniera efficace sulla Borsa di New York è bene conoscerne il funzionamento.

 

Com’è organizzata la Borsa di New York?

Le azioni della Borsa di New York sono ripartite su tre grandi indici borsistici: il Dow Jones, il Nasdaq e l’S&P 500.

Il Dow Jones esiste dal 1897 e raggruppa le 30 imprese industriali più performanti degli Stati Uniti. Viene calcolato tenendo conto della ponderazione dei prezzi dei differenti titoli.

Il Nasdaq è stato invece creato nel 1971 e raggruppa ben 3.000 aziende selezionate in prevalenza nel settore delle attività tecnologiche.

Infine, l’S&P 500, creato nel 1957 dalla ben nota agenzia di notazione, raggruppa 500 titoli di aziende che si trovanosul NYSE e/o sul Nasdaq. È molto rappresentativo dell’economia nazionale.

La Borsa di New York è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 16 (ora locale) e rimane chiusa durante i giorni festivi ed i fine settimana.

 

L’evoluzione storica della Borsa di New York

Gli ultimi vent’anni sono stati contraddistinti da movimenti forti ed inattesi della Borsa di New York. Ricorderemo in particolare diverse crisi come lo scoppio delle bolle dei dotcoms e dei subprimes, gli attentati dell’11 settembre 2001, che hanno comportato la chiusura del NYSE e del Nasdaq per diversi giorni, e il fallimento del gruppo Lehman Brothers nel 2009, che ha fatto crollare la maggior parte dei mercati. Ad ogni crisi le grandi banche centrali tra cui la Federal Reserve sono riusciti a raddrizzare il tiro appena in tempo.

È così che, a partire dalla fine del 2009, si può osservare una bella ripresa rialzista dei tre principali indici borsistici statunitensi e dei loro titoli. Tuttavia, a partire dal 2015, si assiste ad un’attenuazione di questa tendenza rialzista e ad una progressiva inversione al ribasso dovuta alla sopravvalutazione della maggior parte degli attivi nel corso degli anni precedenti.

 

Come accedere alla Borsa di New York?

Per cominciare a speculare sulle numerose azioni borsistiche della piazza finanziaria newyorkese vi basta aprire un conto di trading online. Le piattaforme di trading vi danno infatti la possibilità di accedere alla Borsa di New York tramite i CFD su azioni e indici.

Grazie a un tale conto di trading, sarete liberi di speculare al rialzo e al ribasso sugli attivi statunitensi in diretta dai mercati e in tempo reale. Un vero e proprio vantaggio visto che questa Borsa beneficia di una più elevata liquidità rispetto alle altre piazze finanziarie internazionali ed offre quindi maggiori possibilità di profitto a breve e medio termine.

Su queste piattaforme troverete ovviamente anche delle informazioni e dei consigli borsistici appropriati a proposito della Borsa di New York e dei suoi attivi.

Speculare sulla Borsa di New York con i CFD

Non aspettate un secondo di più per profittare finalmente dei vantaggi della Borsa di New York e dei suoi attivi: raggiungete una piattaforma di trading di CFD conosciuta per la varietà delle sue azioni ed indici statunitensi.

I CFD sono degli strumenti complessi che presentano un elevato rischio di perdita rapida di capitale a causa dell’effetto leva. Una percentuale di conti di clienti privati compresa tra il 74% e l’89% perde denaro in occasione della negoziazione di CFD. Per utilizzare questi strumenti è indispensabile essere certi di comprendere il funzionamento dei CFD e di potersi permettere di assumere l’elevato rischio di perdere il proprio denaro.