eToro
Plus500
Valutazione: 4.41 49 voti
 

Comprare le azioni Veolia con i CFD

Investire nel settore dell’ambiente è un buon modo per ottenere dei profitti elevati a breve, a medio o a lungo termine. Quindi, se volete profittare di questa opportunità, vi consigliamo di trattare le azioni Veolia con i CFD. Per farlo, ecco per voi alcune informazioni pratiche che vi aiuteranno a capire meglio la loro evoluzione. Fra di esse troverete un’analisi tecnica storica del loro corso, dei dati e dei consigli borsistici.

 

Le azioni Veolia in breve

  • Capitalizzazione borsistica totale: 11.165,89 milioni di euro
  • Numero di titoli: 563.364.823
  • Piazza di quotazione: Euronext Paris
  • Mercato: Euronext Paris
  • Indice: CAC 40
  • Settore di attività: Ambiente

 

L’attività della società Veolia

La società francese Veolia è il leader internazionale della prestazione di servizi connessi all’ambiente. La sua attività può essere ripartita in diversi poli:

  • Le prestazioni legate alla depurazione dell’acqua, la distribuzione di acqua potabile, le prestazioni di ingegneria, di costruzione e di trattamento delle acque.
  • Le prestazioni di pulizia con la manutenzione degli spazi pubblici, la pulizia e la manutenzione industriale, la decontaminazione dei terreni, la differenziazione, il riciclaggio, il trattamento, l’incinerazione e lo stoccaggio dei rifiuti.
  • Infine, le prestazioni legate all’energia con la gestione di reti di riscaldamento e di climatizzazione, di servizi termici, multi tecnici e industriali e la gestione globale di immobili ed illuminazione pubblica.

Veolia impiega attualmente 173.959 dipendenti nel mondo e realizza la maggior parte del proprio volume d’affari in Europa.

 

Conoscere la concorrenza delle azioni Véolia

La società Véolia esercita le proprie attività in un settore ben particolare, quello della fornitura di acqua, e, a questo titolo, è il numero uno mondiale del settore. Sviluppa anche delle attività più variate come la produzione di energia sostenibile e verde e l’ecologia con, tra le altre, delle soluzioni per il trattamento dei rifiuti industriali. Essendo questo settore in piena espansione, le aziende che cercano di posizionarsi su di esso sono sempre più numerose e costituiscono una seria concorrenza per la francese Véolia.

Ad oggi, il principale concorrente di Véolia in Francia come in Europa altri non è che la società Suez Environnement che fa parte del gruppo GDF-Suez successivamente diventato Engie.

Vengono poi il gruppo tedesco RWE e la società Agbar che occupano rispettivamente il secondo ed il terzo posto della classifica mondiale. È comunque bene tenere d’occhio con attenzione le altre grandi aziende che potrebbero sviluppare delle attività in questo settore e diventare quinti dei seri concorrenti di Véolia.

Si raccomandacaldamente di seguire con cura le notizie del settore ed i risultati di ognuna delle aziende sopracitate. Infatti, quando si realizza l’analisi della quotazione delle azioni Véolia e, in particolare, l’analisi fondamentale, bisogna assolutamente includere uno studio della concorrenza. Per farlo, si possono trovare le informazioni necessarie sulla piattaforma del proprio broker o in un flusso di notizie dedicato. In ogni caso non si deve trascurare l’analisi tecnica.

 

Le alleanze strategiche strette dal gruppo Véolia

Sebbene sia leader incontestato nel suo settore di attività principale, Véolia ha costruito la propria reputazione e migliorato il proprio posizionamento sul mercato tramite una strategia largamente basata su delle alleanze mirate con altre aziende di settori similari o differenti.

Véolia si è in particolare avvicinata al gruppo industriale agroalimentare Danone di cui prende in carico il trattamento dei rifiuti per ridurre le emissioni di CO2 con l’obiettivo di zero emissioni entro il 2020: una sfida che potrebbe migliorare notevolmente l’immagine di marca del gruppo.

Véolia si è anche connessa al fabbricante cinese di smartphone Huawei con cui collabora ad un progetto di città intelligente ed ecologica che potrebbe concretizzarsi in futuro.

In un ulteriore settore, Véolia si è associata alcuni anni fa con la società informatica statunitense IBM per beneficiare delle competenze di quest’ultima e mettere a punto un sistema di trattamento dei rifiuti basato sulle tecnologie informatiche e funzionante in maniera intuitiva.

Tutte queste associazioni ed alleanze hanno avuto un effetto diretto sulla quotazione delle azioni Véolia. È quindi indispensabile tenere d’occhio gli eventuali futuri accordi di questo gruppo con altre grandi aziende e valutarne le conseguenze sul mercato.

 

Analisi della quotazione delle azioni Veolia

L’analisi tecnica e grafica dell’evoluzione della quotazione delle azioni Veolia nel corso degli ultimi dieci anni è interessante da diversi punti di vista. Si osservano infatti differenti tendenze più o meno marcate con da principio una fase ascendente fino a dicembre 2007 che ha raggiunto i 65,65€, il massimo storico. Una correzione al ribasso significativa ha poi riportato il corso di questo titolo a quota 15,78€ nel marzo 2009 prima di un nuovo rialzo meno significativo verso la soglia dei 26,67€ a settembre 2009.

Da allora la quotazione delle azioni Veolia sembra stabilizzarsi intorno ai 20€ con un principio di tendenza rialzista.

 

Fare delle previsioni sulla quotazione delle azioni Veolia

Per realizzare delle previsioni sulla quotazione delle azioni Veolia, basta concentrarsi sugli indicatori giusti e seguire gli eventi che hanno degli effetti diretti su questo mercato. Tra gli elementi da seguire troviamo:

  • Gli indicatori tecnici come l’analisi delle tendenze
  • La salute economica del settore dell’ambiente
  • I nuovi mercati internazionali del gruppo
  • Le decisioni economiche del gruppo
  • Il livello di concorrenza di questo settore.
  • Il costo dell’energia

Come cominciare a trattare le azioni Veolia?

Per beneficiare dei vantaggi delle azioni Veolia ed acquistarle con i CFD, basta andare su una piattaforma di trading online e creare il proprio conto come trader. Potrete allora trattare liberamente!

I CFD sono degli strumenti complessi che presentano un elevato rischio di perdita rapida di capitale a causa dell’effetto leva. Una percentuale di conti di clienti privati compresa tra il 74% e l’89% perde denaro in occasione della negoziazione di CFD. Per utilizzare questi strumenti è indispensabile essere certi di comprendere il funzionamento dei CFD e di potersi permettere di assumere l’elevato rischio di perdere il proprio denaro.