eToro
Plus500
Valutazione: 4.41 37 voti
 

Comprare le azioni Tesla Motors con i CFD

Se vi piace trattare sulla quotazione delle azioni statunitensi o del settore dell’automobile, le azioni Tesla Motors sono senza dubbio quello che fa per voi. Ma prima di comprarle online e di speculare sull’evoluzione del loro corso, prendetevi il tempo di scoprirle più in dettaglio grazie alle informazioni utili che vi presentiamo qui.

 

Le azioni Tesla Motors in breve

  • Capitalizzazione borsistica totale: 33.222,27 milioni di dollari
  • Numero di titoli: Non comunicato
  • Piazza di quotazione: Nasdaq All Markets
  • Mercato: Nasdaq All Markets
  • Indice: Nasdaq 100
  • Settore di attività: Automobile

 

L’attività della società Tesla Motors

Il gruppo Tesla Motors è molto popolare negli Stati Uniti, suo paese di provenienza. Si tratta di un gruppo specializzato nella progettazione, fabbricazione e vendita di veicoli elettrici molto conosciuto e tra quelli che hanno i maggiori utili. L’attività di Tesla Motors può essere ripartita in tre grandi poli:

  • La vendita di automobili rappresenta la larga maggioranza del volume d’affari costituendoneil 96,3%.
  • La vendita di componenti di gruppi motopropulsori per i veicoli elettrici rappresenta il 3,5% del volume d’affari generato.
  • Infine, Tesla Motors propone anche delle prestazioni di servizi di sviluppo nella misura dello 0,2% del volume d’affari.

Attualmente il gruppo Tesla Motors dispone soltanto di due siti di produzione negli Stati Uniti ma, oltre al mercato americano, tocca quello norvegese e quello cinese.

 

Conoscere la concorrenza delle azioni Tesla Motors

Il gruppo statunitense Tesla Motors è uno dei leader del suo settore di attività, la fabbricazione di automobili elettriche, perché ne è stato uno dei pionieri. Tuttavia, il boom dell’ecologia e delle energie verdi spinge attualmente anche gli altri costruttori di automobili a sviluppare dei veicoli puliti che funzionano ad elettricità. Tesla Motors deve quindi fronteggiare una concorrenza sempre più importante proveniente da diverse parti del mondo.

È principalmente in Europa che si ritrovano i più grandi concorrenti di Tesla Motors. In Francia bisogna prendere in considerazione la società Renault che è stata la prima a livello nazionale a inserirsi nel settore delle auto elettriche. Il gruppo PSA, anch’esso francese, si è recentemente lanciato nella corsa delle vetture elettriche e potrebbe rivelarsi pericoloso a lungo termine.

Un’altra minaccia viene dalla Germania con in particolare il fabbricante di automobili alto di gamma BMW che si interessa da ormai diversi anni a questo segmento. Anche Volkswagen è un serio concorrente perché ha già lanciato la propria gamma di automobili elettriche autonome nel 2017.

Per avere delle probabilità di prendere delle posizioni vincenti sulla quotazione delle azioni Tesla Motors vi sarà necessario realizzare, oltre ad un’analisi tecnica precisa, un’analisi fondamentale completa. Nel quadro di tale analisi fondamentale vi raccomandiamo di realizzare uno studio completo della concorrenza in materia di auto elettriche con le quote di mercato di ciascuna di queste aziende, il lancio di nuovi modelli e la quantità di automobili vendute da ciascuno. Avrete così una miglior visibilità delle possibilità di evoluzione delle azioni Tesla Motors.

 

Le alleanze strategiche strette da Tesla Motors

Per mantenere le proprie quote di mercato in un settore con sempre più concorrenza, il gruppo Tesla Motors punta molto sulle alleanze strategiche.

Tesla Motors sceglie in particolare degli alleati del settore tecnologico associandosi al gruppo Nvidia, specialista in schede grafiche. Questa associazione ha come obiettivo principale la messa a punto del più grande schermo tattile integrato al mondo per le automobili della marca. Si trova già la firma di Nvidia nei sistemi e negli equipaggiamenti di diversi veicoli della casa.

Sempre nel settore tecnologico, Tesla Motors si è recentemente alleata alla società Panasonic che ha realizzato un investimento di diverse decine di miliardi di Yen in una fabbrica per la produzione di cellule fotovoltaiche appartenente a Tesla Motors.

Infine, sono anche da notare alcune associazioni il cui obiettivo è soprattutto economico come quella stretta con il gruppo di assicurazioni tedesco Allianz e la sua filiale francese che offre dal 2014 i propri servizi ai clienti del fabbricante di automobili.

Tutte le alleanze future della società Tesla Motors vanno seguite da vicino perché ognuna di queste associazioni può portare ad una modifica della tendenza di questo titolo.

 

Analisi della quotazione delle azioni Tesla Motors

È particolarmente interessante studiare storicamente i grafici del corso delle azioni Tesla Motors negli ultimi dieci anni. Si nota infatti a prima vista che il titolo ha avuto delle difficoltà ad attirare degli investitori per diversi anni.

Dopo aver stagnato intorno a 30 € durante i primi anni di quotazione, il titolo ha improvisamente guadagnato dei punti grazie allo sviluppo del mercato delle auto elettriche nel 2013. Da allora, si è evoluto principalmente al rialzo con dei picchi molto netti passando comunque per dei ribassi più o meno importanti.

Questa evoluzione al ribasso è a dente di sega e si contraddistingue per un’elevata volatilità e numerosi movimenti di correzione al ribasso. Una prima involata dei prezzi delle azioni Tesla Motors si è verificata da aprile a settembre 2013 con il raggiungimento della soglia dei 190,86$ immediatamente seguita da un nuovo ribasso che ha riportato la quotazione a 121,38$. Questa correzione è poi seguita da una nuova involata dei prezzi questa volta in direzione di un nuovo picco a 246,21$ a febbraio 2014 e, ancora una volta, un ritracciamento al ribasso che ha fatto ricadere il prezzo delle azioni verso la soglia dei 182,26$ a maggio 2014.

A settembre 2014 un nuovo rialzo molto volatile permette al titolo di toccare un nuovo massimo intorno ai 280$ ma il titolo perde quasi subito i punti guadagnati ricadendo al livello dei 185$ a marzo 2015. La quotazione delle azioni riprende comunque alcuni punti fino a raggiungere quota 208$ a luglio 2015.

Sfortunatamente, si assiste poi ad un calo della quotazione di queste azioni più forte dei precedenti che le porta a raggiungere il corso di 151,04$ a febbraio 2016. Ne segue un nuovo tentativo rialzista che non riesce però a superare il precedente record ma raggiunge solamente il livello dei 254,51$. Dopo l’ultimo ritracciamento al ribasso in direzione dei 181,47$, il titolo evolve infine in una tendenza rialzista particolarmente forte che gli permette di raggiungere un nuovo record a 383,45$.

Il recente forte rialzo della quotazione delle azioni Tesla Motors ha delle forti probabilità di condurre, in un primo tempo, verso un ritracciamento al ribasso sotto forma di incasso di utili. Bisogna quindi privilegiare le prese di posizione alla vendita salvo in caso di rottura di una nuova resistenza tecnica che permetterebbe un’ulteriore fiammata dei prezzi. È anche consigliabile trattare su questo titolo a breve termine per profittare della sua elevatissima volatilità.

 

Fare delle previsioni sulla quotazione delle azioni Tesla Motors

Per realizzare delle previsioni sulla quotazione delle azioni Tesla Motors, basta concentrarsi sugli indicatori giusti e seguire gli eventi che hanno degli effetti diretti su questo mercato. Tra gli elementi da seguire troviamo:

  • Gli indicatori tecnici come l’analisi delle tendenze
  • La salute economica del settore dell’automobile
  • L’evoluzione della domanda da parte dei privati e delle imprese
  • Lo sviluppo delle energie rinnovabili
  • Il prezzo del petrolio

Come cominciare a trattare le azioni Tesla Motors?

Investire da oggi stesso sulle azioni Tesla Motors è un’eccellente idea perché il settore dei veicoli elettrici è in piena espansione. Per farlo, iscrivetevi senza attendere oltre ad una buona piattaforma di trading.

I CFD sono degli strumenti complessi che presentano un elevato rischio di perdita rapida di capitale a causa dell’effetto leva. Una percentuale di conti di clienti privati compresa tra il 74% e l’89% perde denaro in occasione della negoziazione di CFD. Per utilizzare questi strumenti è indispensabile essere certi di comprendere il funzionamento dei CFD e di potersi permettere di assumere l’elevato rischio di perdere il proprio denaro.