eToro
Plus500
Valutazione: 4.52 44 voti
 

Comprare le azioni Peugeot con i CFD

In Europa, i costruttori automobilistici godono di un’ottima reputazione internazionale e si spartiscono una larga parte del mercato. Tra questi costruttori, la società Peugeot è uno dei leader di questo settore specifico. Per trattare sulla quotazione di queste azioni è necessario poterne seguire l’evoluzione in diretta: è quanto vi proponiamo qui con in più delle informazioni utili circa la loro quotazione sul mercato borsistico. In questo articolo troverete inoltre un’analisi del corso di questo titolo nonché delle spiegazioni sulla maniera di realizzare delle previsioni sulle future tendenze.

 

Le azioni Peugeot in breve

  • Capitalizzazione borsistica totale: 12.755,60 milioni di euro
  • Numero di titoli: 808.083.820
  • Piazza di quotazione: Euronext Paris
  • Mercato: Compartiment A
  • Indice: CAC 40
  • Settore di attività: automobili

 

L’attività della società Peugeot

La società Peugeot è attualmente il secondo fabbricante di automobili dell’Unione Europea e la sua attività può essere suddivisa in tre settori ben distinti, cioè:

  • La divisione automobilistica, che gestisce le attività di progettazione, di fabbricazione e di vendita di autovetture e di veicoli commerciali sotto i marchi Peugeot, Citroën e DS.
  • La divisione equipaggiamenti automobilistici, con il gruppo Faurecia che è specializzato in sistemi interni, sedili, allestimenti esterni di auto e tutte le tecnologie di controllo delle emissioni.
  • La divisione delle attività di finanziamento, con il gruppo Banca PSA France che gestisce i finanziamenti alla vendita dei veicoli delle marche Peugeot, Citroën e DS nonché il finanziamento delle reti di distribuzione. Questo gruppo ha attualmente lo statuto di istituto finanziario.

Attualmente la Peugeot conta 189.786 dipendenti.

 

Conoscere la concorrenza delle azioni Peugeot

Il gruppo PSA è oggi uno dei grandi nomi europei del settore dell’automobile e cerca di posizionarsi anche nel resto del mondo ma subisce ovviamente la concorrenza di altri grandi gruppi che lo contrastano duramente.

Sul mercato europeo, i principali concorrenti di Peugeot sono il fabbricante tedesco Volkswagen, il francese Renault e l’italiano Fiat. Per quanto riguarda il mercato internazionale, PSA si confronta alla concorrenza dell’americano Ford e del giapponese Toyota.

È semplicissimo procurarsi delle informazioni su queste aziende perché fanno tutte parte di importanti indici borsistici. Troverete quindi delle informazioni sulle notizie che le riguardano e sui loro risultati nel sito o sulla piattaforma del vostro broker oppure nei siti web specializzati in economia. Vi consigliamo di integrare queste informazioni all’analisi fondamentale di questo titolo per anticipare al meglio le future variazioni di quotazione e, quindi, realizzare delle strategie valide.

 

Le alleanze strategiche strette dal gruppo Peugeot

Il gruppo Peugeot-Citroën (PSA) deve la propria posizione sul mercato ad una strategia ben rodata che si basa in gran parte su delle alleanze strategiche con altre società dello stesso settore o di settori differenti. È quindi importante tenersi al corrente di tali alleanze per determinarne il possibile impatto sulla quotazione delle azioni PSA.

È noto, per esempio, che il gruppo PSA si è alleato con il suo concorrente statunitense Ford per sviluppare dei motori diesel. Questa collaborazione dura da alcuni anni ed è stata recentemente ricondotta ulteriormente per alcuni anni.

Sempre nel quadro di una strategia di sviluppo, PSA è partner delle società Orange ed Ericsson con cui, da inizio 2017, mette a punto un veicolo che integra una connessione sulla rete 5G.

PSA ha anche trovato degli alleati nel settore finanziario. È il caso della banca BNP Paribas che ha appena siglato un accordo a lungo termine con il costruttore per finanziare l’acquisto di Opel/Vauxhall. È anche il caso della banca Santander che già da alcuni anni è partner di PSA Finance per il finanziamento dei veicoli Peugeot, Citroën e DS.

Al di là di queste alleanze strategiche è interessante seguire le altre novità del gruppo come le operazioni di acquisto o di fusione che possono influenzare fortemente la quotazione in Borsa di queste azioni.

 

Analisi della quotazione delle azioni Peugeot

L’analisi grafica della quotazione delle azioni Peugeot è molto specifica ed è marcata da dei periodi di forte volatilità, soprattutto al ribasso per quanto riguarda gli ultimi dieci anni. Da giugno 2007 a gennaio 2008 il prezzo di queste azioni ha subito un crollo storico prima di arrivare infine a riapprezzarsi fino a luglio 2011. Si osserva a questo punto un nuovo ribasso che terminerà a giugno 2013. Da allora, il titolo sembra rimontare progressivamente lasciando presagire una tendenza rialzista a lungo termine.

Si nota infatti una progressione rialzista non priva di correzioni al ribasso con una volatilità anch’essa aleatoria. Il titolo ha quindi superato la soglia dei 10€ con qualche difficoltà ad inizio 2014. Bisogna poi attendere la fine di questo stesso anno perché le azioni si dirigano finalmente verso una tendenza rialzista più netta in direzione dei 20€, soglia che alla fine non viene però raggiunta. La quotazione delle azioni Peugeot è comunque riuscita a recuperare alcuni punti a 19,34€ a giugno 2015 prima di ritracciarsi infine verso gli 11€ a luglio 2016.

Dalla fine del 2016 il titolo Peugeot recupera al rialzo e si dirige nuovamente verso la resistenza tecnica dei 20€. L’eventuale superamento di quest’ultima dovrebbe condurre ad un più significativo prosieguo della tendenza rialzista ma, se la soglia dovesse resistere, bisognerà attendersi un nuovo calo.

 

Fare delle previsioni sulla quotazione delle azioni Peugeot

È molto semplice fare delle previsioni sulla quotazione delle azioni Peugeot perché gli indicatori da seguire sono chiari e numerosi. A tal fine bisogna tenere d’occhio i seguenti dati:

  • L’analisi tecnica in generale, in particolare per il trading a breve termine
  • L’uscita di nuovi veicoli o di nuove tecnologie
  • L’uscita di novità presso i concorrenti
  • La salute economica europea
  • Le decisioni politiche riguardanti questo settore

 

Perché e come trattare la quotazione delle azioni Peugeot online?

Per molto tempo le azioni Peugeot hanno svolto un ruolo di bene rifugio della Borsa di Parigi ma da alcuni anni, dopo il forte calo registrato prima del 2014, deludono gli investitori. È quindi logico chiedersi se sia realmente interessante trattare queste azioni e come fare per trattarle.

Sebbene il mercato si mostri molto incerto in questi ultimi mesi, gli analisti rimangono fiduciosi circa il ritorno al rialzo di questo titolo ma non nell’immediato. Per prendere posizione all’acquisto a lungo termine su queste azioni si raccomanda di aspettare una nuova correzione al ribasso in direzione degli 11€. L’analisi tecnica indica infatti che sotto questa soglia il corso va incontro ad una resistenza forte che dovrebbe indurre un’inversione rialzista importante con un’alta probabilità di ritorno al di sopra dei 20€.

Sebbene tutti gli attori del settore della fabbricazione di automobili abbiano recentemente conosciuto dei cali in Borsa similari, PSA ha subito delle perdite 5 volte maggiori rispetto al suo concorrente diretto, il costruttore francese Renault. È quindi logico che questa sottovalutazione venga corretta rapidamente quando gli investitori si interesseranno nuovamente a queste azioni.

Se volete prendere delle posizioni più corte, vi consigliamo di seguire con attenzione gli indicatori tecnici basando però le prese di posizione anche sulle notizie relative a questo settore.

Cominciare a speculare sul corso delle azioni Peugeot

Per speculare sulla quotazione delle azioni Peugeot l’ideale è utilizzare i CFD tramite un mediatore Forex. Potrete così trattare sia al rialzo che al ribasso.

I CFD sono degli strumenti complessi che presentano un elevato rischio di perdita rapida di capitale a causa dell’effetto leva. Una percentuale di conti di clienti privati compresa tra il 74% e l’89% perde denaro in occasione della negoziazione di CFD. Per utilizzare questi strumenti è indispensabile essere certi di comprendere il funzionamento dei CFD e di potersi permettere di assumere l’elevato rischio di perdere il proprio denaro.