eToro
Plus500
Valutazione: 4.39 44 voti
 

Comprare le azioni Netflix con i CFD

Tra le azioni internazionali più recenti ma anche più popolari si ritrovano le azioni Netflix, azioni che vi proponiamo di scoprire più in dettaglio. Troverete in questa scheda delle informazioni precise a proposito della loro quotazione in Borsa come il loro corso in diretta ed altre informazioni importanti nonché un’analisi tecnica storica del loro corso. Spiegheremo anche quali sono le attività precise di questo gruppo per capire meglio le sue sfide economiche.

 

Le azioni Netflix in breve

  • Capitalizzazione borsistica totale: 41.187,38 milioni di euro
  • Numero di titoli: Non comunicato
  • Piazza di quotazione: Nasdaq All Markets
  • Mercato: Nasdaq Global Select Market
  • Indice: Nasdaq 100
  • Settore di attività: Intrattenimento

 

L’attività della società Netflix

Di certo conoscete già il gruppo Netflix per il fatto di aver utilizzato il suo servizio di video on demand o per aver guardato una serie televisiva di cui detiene i diritti. Netflix è infatti una società specializzata nelle prestazioni di diffusione online di film e di serie televisive in flusso continuo su abbonamento.

Sulla base di un pagamento mensile i suoi utenti hanno accesso a dei contenuti su richiesta o illimitati tramite vari supporti come computer, smartphone, televisori, tablet o consolle di gioco connesse. Propone anche il noleggio di DVD per corrispondenza con ordine online.

Sebbene Netflix operi nel mercato internazionale, la maggior parte del suo volume d’affari viene realizzato negli Stati Uniti.

 

Conoscere la concorrenza delle azioni Netflix

Il gruppo statunitense Netflix ha saputo crearsi un posto di leader nel settore del video on demand, dapprima negli Stati Uniti e poi nel resto del mondo ma non è ovviamente il solo a cavalcare l’onda dell’intrattenimento digitale e deve quindi fronteggiare una concorrenza a volte molto forte da parte di altre società, alcune delle quali quotate anch’esse in Borsa.

Tra i concorrenti di Netflix più minacciosi si ritrova in particolare la società statunitense Amazon che ha recentemente creato un servizio di video on demand chiamato “Istant Video” che è già operativo negli Stati Uniti. In considerazione del suo attuale successo, potrebbe rapidamente svilupparsi nel resto del mondo, Europa inclusa.

Il gruppo Google deve anch’esso essere considerato un importante concorrente di Netflix in quanto il gigante del web ha recentemente inaugurato la periferica Chromecast che permette in particolare di guardare su un televisore dei video scaricati da Internet.

In Europa, il più grande concorrente di Netflix è Canal Play, filiale del gruppo Bolloré, che è comunque meno competitivo in termini di tariffe di abbonamento.

È anche consigliabile tenere d’occhio gli outsider di questo settore fra i quali i concorrenti più recenti che potrebbero conquistare rapidamente delle quote di mercato. La società Hulu, per esempio, propone attualmente dei prezzi simili a quelli di Netflix e tende ad estendersi in sempre più paesi.

Per poter realizzare una strategia di trading efficace sulla quotazione delle azioni Netflix è indispensabile includere uno studio della concorrenza nella propria analisi fondamentale per prendere in considerazione tutti gli eventi che potrebbero far evolvere al rialzo o al ribasso la quotazione delle azioni Netflix. Troverete facilmente queste informazioni su Internet consultando dei siti specializzati o il flusso di attualità del vostro broker online.

 

Le alleanze strategiche strette dal gruppo Netflix

Netflix punta su uno sviluppo rapido sul mercato internazionale e, per sostenere le proprie ambizioni, ha messo in opera una strategia basata sulla realizzazione di differenti alleanze strategiche.

Nel quadro dello sviluppo della propria offerta di contenuti, Netflix ha siglato nel 2016 degli accordi di partenariato con il gruppo Walt Disney, Lucas Film, Marvel e Pixar. Ha così ottenuto l’esclusiva sui diritti di diffusione dei nuovi contenuti, film e serie, di questi studi di fama mondiale.

Per Netflix risulta anche interessante associarsi ai grandi fornitori di accesso ad Internet. È stato recentemente il caso con gli ISP SFR e Altice: tramite i loro decoder Netflix potrà ormai proporre i propri contenuti in Francia, Portogallo, Israele e in Repubblica Dominicana.

Per concludere, Netflix punta anche a dei partenariati tecnologici, come dimostrato dall’alleanza stretta con Google e finalizzata a realizzare un visore per realtà virtuale da utilizzare con i contenuti VOD del gruppo.

 

Analisi della quotazione delle azioni Netflix

Un semplice sguardo al grafico storico delle azioni Netflix basta a convincersi dell’immensa potenzialità di questo titolo. L’analisi tecnica degli ultimi dieci anni mostra infatti prima di tutto una crescita spettacolare ed un guadagno di punti raramente eguagliato in Borsa.

Per alcuni anni il corso delle azioni Netflix si è evoluto in maniera stabile intorno ai 5$. Un primo rialzo può essere osservato nell’estate del 2011 con il raggiungimento di un primo picco a 44,25$ nel mese di luglio. Ma questo primo tentativo si è chiuso con una correzione al ribasso.

Bisogna attendere gennaio 2013 perché il titolo rimbalzi in maniera spettacolare raggiungendo il suo massimo a 130,93$ nel dicembre 2015.

 

Fare delle previsioni sulla quotazione delle azioni Netflix

Per realizzare delle previsioni sulla quotazione delle azioni Netflix, basta concentrarsi sugli indicatori giusti e seguire gli eventi che hanno degli effetti diretti su questo mercato. Tra gli elementi da seguire troviamo:

  • Gli indicatori tecnici come l’analisi delle tendenze
  • La salute economica del settore dell’intrattenimento e delle nuove tecnologie
  • L’uscita di nuove serie
  • Le decisioni economiche del gruppo
  • Il livello di concorrenza di questo settore.

Come cominciare a trattare le azioni Netflix?

Potete trattare oggi stesso sulla quotazione delle azioni Netflix prendendo posizione con i CFD da una piattaforma di trading. Per farlo vi basta creare il vostro conto online.

I CFD sono degli strumenti complessi che presentano un elevato rischio di perdita rapida di capitale a causa dell’effetto leva. Una percentuale di conti di clienti privati compresa tra il 74% e l’89% perde denaro in occasione della negoziazione di CFD. Per utilizzare questi strumenti è indispensabile essere certi di comprendere il funzionamento dei CFD e di potersi permettere di assumere l’elevato rischio di perdere il proprio denaro.