eToro
Plus500
Valutazione: 4.51 37 voti
 

Comprare le azioni BMW con i CFD

Il settore dell’automobile non attira solamente gli appassionati di auto ma anche gli investitori di Borsa, specialmente quando si tratta di trattare sulla quotazione delle azioni di una grande marca di vetture di fascia alta. Oggi vi presenteremo quindi in dettaglio le azioni BMW con delle informazioni essenziali sulla quotazione di questo titolo, un’analisi tecnica del suo corso negli ultimi dieci anni ed altri consigli pratici.

 

Le azioni BMW in breve

  • Capitalizzazione borsistica totale: 51.722,51 milioni di euro
  • Numero totale di titoli: Non comunicato
  • Piazza di quotazione: DeutscheBoerse AG
  • Mercato: Prime Standard
  • Indice: DAX 30
  • Settore di attività: Automobile

 

L’attività della società BMW

Il gruppo tedesco BMW (Bayerische MotorenWerke) è, come certamente già saprete, uno dei grandi nomi dell’automobile di fascia alta e la sua attività comprende la progettazione, la fabbricazione e la commercializzazione di veicoli. Il suo volume d’affari può comunque essere ripartito su diverse attività: 

  • La vendita di veicoli rappresenta ovviamente la maggioranza del volume d’affari realizzato per circa il 76,9% e ben 2.247.485 vetture vendute nel 2015 sotto i marchi BMW, Mini e Rolls-Royce.
  • Vengono poi le prestazioni di finanziamento delle vendite per il 21,3%.
  • Infine, BMW vende anche dei motocicli di marca Husqvarna.

Con 30 siti di produzione nel mondo, BMW raggiunge i mercati internazionali e ad oggi impiega ben 116.324 persone.

 

Conoscere la concorrenza delle azioni BMW

La società tedesca BMW è il numero uno mondiale della fabbricazione e vendita di automobili di fascia alta ma è comunque in forte concorrenza con altre aziende del settore, la maggioranza delle quali quotate in Borsa.

Tra le società che costituiscono una minaccia per le quote di mercato della BMW si annoverano in particolare le tedesche Daimler e Volkswagen ma sul mercato internazionale bisogna anche tener conto della concorrenza dei gruppi statunitensi Ford e General Motors e di quelli giapponesi Toyota e Nissan.

Bisogna assolutamente conoscere l’insieme dei concorrenti prima di lanciarsi nell’analisi fondamentale della quotazione delle azioni BMW. Uno studio completo della concorrenza in questo settore, comprendente le evoluzioni delle quote di mercato, i risultati finanziari e le attualità su ciascuna di queste aziende, consentirà di avere una miglior comprensione dell’evoluzione futura della quotazione di questo titolo. Bisognerà tenere d’occhio in particolare il lancio di nuovi veicoli di fascia alta da parte di ciascuno dei produttori sul mercato.

È facile trovare informazioni precise sulla BMW e sui suoi concorrenti consultando dei flussi di news o aiutandosi con le notizie rilanciate dal proprio broker.

 

Le alleanze strategiche messe in opera dal gruppo BMW

BMW cerca di consolidare la propria notorietà e posizione di leader sul mercato dei veicoli alto di gamma tramite una complessa strategia marketing che integra delle alleanze con altre aziende del settore.

Poiché l’innovazione occupa un ruolo importante nel settore della fabbricazione delle automobili, BMW si associa regolarmente con delle società del settore tecnologico per sviluppare nuove soluzioni per la propria gamma di veicoli. È per questo motivo che ha messo in opera un’alleanza con il gruppo statunitense IBM con il quale lavora su dei veicoli che integrano la tecnologia informatica di punta.

Ma BMW è anche capace di creare delle alleanze con delle aziende concorrenti o dello stesso settore di attività. Si è in particolare associata al costruttore giapponese Toyota per sviluppare un veicolo a celle a combustibile. Il prodotto sviluppato comprende la batteria, il sistema e il serbatoio di idrogeno nonché il motore elettrico. BMW si è anche associata al gruppo francese PSA per la fabbricazione di motori per la propria gamma di veicoli al fine di ridurre i costi di produzione. Questa collaborazione si è tuttavia interrotta nel 2013.

 

Analisi del corso delle azioni BMW

Storicamente il corso delle azioni BMW è senza dubbio uno di quelli che hanno guadagnato più punti nel corso dell’ultimo decennio. L’analisi tecnica dei grafici mostra infatti una lunga progressione rialzista che segue una fase ribassista, da ottobre 2007 a gennaio 2009, che non ha però comportato un’elevata perdita di punti.

Il più alto livello storico di questo periodo è stato raggiunto recentemente, a marzo 2015, raggiungendo la soglia di 119,70 €. Da allora, il corso del titolo ha conosciuto successive fasi al rialzo ed al ribasso ma si è sempre mantenuto ad un livello interessante in prossimità dei 75 €.

Si notano anche numerosi micromovimenti di alta volatilità nel complesso di questo periodo.

Si nota tra l’altro un interessante tentativo di ripresa rialzista intervenuto tra luglio e dicembre 2016 con il raggiungimento degli 89,96€. Sfortunatamente la resistenza forte dei 90€ non ha ceduto portando così ad una nuova correzione al ribasso.

Non è comunque da escludere che un prossimo rialzo del titolo finisca per rompere questa resistenza permettendo un maggiore slancio dei prezzi verso l’alto con delle belle prospettive di guadagno per le posizioni all’acquisto. Consigliamo quindi di attendere il segnale giusto prima di prendere posizione in questo senso a lungo termine. Nell’attesa si può profittare dei micromovimenti tramite i CFD.

 

Fare delle previsioni sulla quotazione delle azioni BMW

Per realizzare delle previsioni sulla quotazione delle azioni BMW basta concentrarsi sugli indicatori giusti e seguire gli eventi che hanno degli effetti diretti su questo mercato. Tra gli elementi da seguire troviamo:

  • Gli indicatori tecnici come l’analisi delle tendenze
  • La salute economica del settore dell’automobile
  • L’evoluzione del settore, le innovazioni ed il livello di concorrenza
  • Lo sviluppo di nuovi veicoli e di nuove tecnologie da parte del gruppo

Come cominciare a trattare le azioni BMW?

Vi proponiamo di trattare già da oggi sul corso delle azioni BMW tramite i CFD raggiungendo una delle migliori piattaforme di trading del momento. Create subito il vostro conto di trading!

I CFD sono degli strumenti complessi che presentano un elevato rischio di perdita rapida di capitale a causa dell’effetto leva. Una percentuale di conti di clienti privati compresa tra il 74% e l’89% perde denaro in occasione della negoziazione di CFD. Per utilizzare questi strumenti è indispensabile essere certi di comprendere il funzionamento dei CFD e di potersi permettere di assumere l’elevato rischio di perdere il proprio denaro.