eToro
Plus500
Valutazione: 4.42 38 voti
 

Comprare le azioni BASF con i CFD

Se avete intenzione di trattare sul mercato borsistico tedesco, alcune azioni come le azioni BASF sono una scelta oculata. Troverete qui per aiutarvi a trattarle con i CFD numerose informazioni pratiche come la loro quotazione in diretta nonché un’analisi tecnica storica del loro corso ed il dettaglio delle attività di questa azienda.

 

Le azioni BASF in breve

  • Capitalizzazione borsistica totale: 65.616,12 milioni di euro
  • Numero di titoli: Non comunicato
  • Piazza di quotazione: Xetra
  • Mercato: Prime Standard
  • Indice: DAX 30
  • Settore di attività: Chimica

 

L’attività della società BASF

La società tedesca BASF è il leader internazionale del settore dell’industria chimica. La sua attività può essere ripartita in vari poli:

  • I prodotti funzionali come catalizzatori, lamine, prodotti chimici e da costruzione che rappresentano il 26,3 % del volume d’affari.
  • I materiali ad alte prestazioni come i prodotti chimici di cura e di dispersione nonché i pigmenti, i prodotti per la nutrizione e le performance per circa il 22,2% del volume d’affari.
  • I prodotti chimici inorganici, petrolchimici e intermediari per circa il 20,8% del volume d’affari.
  • I prodotti agrochimici per l’8,3% del volume d’affari.

Il resto dell’attività della BASF riguarda le attività di esplorazione, produzione e negoziazione di gas e petrolio. BASF realizza la maggior parte del suo volume d’affari in Europa e principalmente in Germania ed impiega 111.435 dipendenti nel mondo.

 

Conoscere la concorrenza delle azioni BASF

La società tedesca BASF è molto conosciuta nel mondo della chimica ed in particolare in quello della chimica organica, settore nel quale è uno dei leader su scala mondiale. In questo settore subisce, infatti, pochissima concorrenza ma deve comunque far fronte alla minaccia di alcune società ben precise.

Il principale concorrente di BASF è quindi il numero due mondiale statunitense, la società Dow Chemical. Il terzo posto della classifica è occupato dalla filiale chimica del gruppo olandese Royal Dutch Shell.

Ovviamente anche altre aziende che non occupano i primi posti del podio fanno parte dei concorrenti da tenere d’occhio per trattare le azioni BASF. La società tedesca Bayer, per esempio, può minacciare le quote di mercato di questo gruppo così come la compagnia petrolifera ExxonMobil che svolge anche delle attività nel settore della chimica.

Tra le società di minore influenza ma comunque presenti nel settore, possiamo ovviamente citare DuPont, Total, Sinopec, Ineos e Sabic.

Per mettersi nelle migliori condizioni per avere successo quando si trattano le azioni BASF, bisogna elaborare una strategia adeguata basata sui dati provenienti sia dall’analisi tecnica, con le tendenze e la loro forza, che dall’analisi fondamentale. Quest’ultima deve ovviamente prendere in considerazione la concorrenza integrando i risultati e le news delle società sopracitate. Troverete queste informazioni nel sito del vostro broker.

 

Le alleanze strategiche strette dal gruppo BASF

BASF è riuscita a conquistare il settore della chimica sia grazie a delle importanti innovazioni che tramite una strategia mirata di alleanze e partenariati.

A titolo di esempio, questo gigante dell’industria chimica si è alleato ormai diversi anni fa con il gruppo Technip che gli ha fornito i necessari strumenti di ingegneria per portare a buon fine i propri progetti in vari settori. Questa collaborazione riguarda sia i servizi di studio di progetti che la messa in opera di questi ultimi.

BASF è anche diventata uno dei partner del gruppo Bouygues e della sua filiale nel settore edile nel 2014, in occasione del Campus Innovation organizzato da quest’ultimo. Questa cooperazione dovrebbe durare ancora alcuni anni.

Più recentemente, BASF, con le sue filiali specializzate in vernici di alto livello R-M e Glasurit, si è associata alla società Tesla Motors per fornire le vernici destinate ai veicoli incidentati e riparati.

 

Analisi della quotazione delle azioni BASF

L’analisi tecnica storica del corso delle azioni BASF negli ultimi dieci anni è interessante da diversi punti di vista. Si nota infatti che durante questo periodo il loro prezzo ha seguito una lunga tendenza rialzista,appena interrotta da alcune correzioni al ribasso.

Il più basso livello raggiunto in questo periodo si colloca a 20,74 € nel marzo 2009 dopo un calo di alcuni mesi. Quanto al massimo storico di queste azioni, è stato raggiunto ad aprile 2015 a quota 96,72 €.

 

Fare delle previsioni sulla quotazione delle azioni BASF

Per realizzare delle previsioni sulla quotazione delle azioni BASF, basta concentrarsi sugli indicatori giusti e seguire gli eventi che hanno degli effetti diretti su questo mercato. Tra gli elementi da seguire troviamo:

  • Gli indicatori tecnici come l’analisi delle tendenze
  • La salute economica del settore dell’industria e della chimica
  • La domanda europea e tedesca.
  • Il costo delle materie prime energetiche.
  • Le innovazioni del gruppo

Come cominciare a trattare le azioni BASF?

Perché non cominciare a trattare online le azioni BASF oggi stesso con i CFD? Per farlo vi basta creare in qualche minuto un conto di trading su una piattaforma di ottima qualità.

I CFD sono degli strumenti complessi che presentano un elevato rischio di perdita rapida di capitale a causa dell’effetto leva. Una percentuale di conti di clienti privati compresa tra il 74% e l’89% perde denaro in occasione della negoziazione di CFD. Per utilizzare questi strumenti è indispensabile essere certi di comprendere il funzionamento dei CFD e di potersi permettere di assumere l’elevato rischio di perdere il proprio denaro.