eToro
Plus500
Valutazione: 4.60 42 voti
 

Comprare le azioni Allianz con i CFD

Tra i settori di attività che hanno attualmente il vento in poppa sul mercato borsistico si trovano quello bancario e l’assicurativo e sono delle azioni che fanno parte di quest’ultimo che vi presentiamo oggi in dettaglio. Attraverso questa scheda dettagliata, scoprirete il corso delle azioni Allianz, dei dati borsistici su di essa nonché, per permettervi di realizzare delle strategie efficaci, un’analisi tecnica storica del suo corso.

 

Le azioni Allianz in breve:

  • Capitalizzazione borsistica totale: 65.945,10 milioni di euro
  • Numero di titoli: Non Comunicato
  • Piazza di quotazione: DeutscheBoerse AG
  • Mercato: Prime Standard
  • Indice: DAX 30
  • Settore di attività: Assicurazioni

 

L’attività della società Allianz

La società Allianz è un gruppo tedescospecializzato in prestazioni assicurative che sviluppa anche un’attività bancaria. Attualmente, Allianz è uno dei leader dell’assicurazione a livello internazionale. Il suo volume d’affari può essere ripartito tra differenti attività di peso differente.

  • Oltre la metà del fatturato di Allianz, il 53,4%, viene generato dalle polizze vita e dalle polizze salute ed infortuni.
  • Gli altri tipi di assicurazione rappresentano da parte loro circa il 42,1% del volume d’affari totale.
  • Segue quindi la gestione di attivi con il 5,2% del volume d’affari. Al momento attuale, Allianz gestisce ben1.762,9 miliardi di euro di attivi di cui 1.275,9 miliardi conto terzi.
  • Infine, una parte minima del volume di affari di questa società viene generato dalle attività di banca e di gestione per conto proprio.

Ad inizio 2016 Allianz impiegava 142.459 persone nel mondo.

 

Conoscere la concorrenza delle azioni Allianz

Allianz è stata per lungo tempo il numero uno delle assicurazioni in Germania prima di partire alla conquista del resto del mondo. Ad oggi fa parte dei più grandi gruppi del settore nel mondo ma deve anche affrontare una durissima concorrenza, specialmente in Europa.

Tra i concorrenti principali della società Allianz figura ovviamente la compagnia di assicurazioni AXA che guadagna costantemente quote di mercato nel settore europeo.

Ma bisogna anche tener conto di altri concorrenti potenzialmente pericolosi sebbene dispongano attualmente di quote di mercato inferiori. È il caso in particolare di società come AON, MetLife, New-York Life Insurance, AIG, Delphi Financial Group o Allstate.

I concorrenti europei sono ovviamente i più pericolosi per il gruppo Allianz ma bisogna anche considerare i concorrenti più lontani che operano sugli stessi mercati.

Al momento di realizzare l’analisi fondamentale della quotazione delle azioni Allianz è indispensabile realizzare uno studio completo della concorrenza di questo mercato. Consigliamo in particolare di prendere conoscenza dei risultati pubblicati da ognuno di questi gruppi in termini di volume d’affari e di versamento dei dividendi nonché di tenersi al corrente di qualsiasi avvenimento suscettibile di far progredire una di queste azioni e quindi, potenzialmente, di far scendere le altre.

 

Le alleanze strategiche messe in opera dal gruppo Allianz

Allianz è diventata il leader che conosciamo oggi soprattutto perché ha saputo associarsi ad altre aziende, di maggiore o minore rilevanza, che gli hanno consentito, soprattutto a livello internazionale, di conquistare nuovi mercati, di farsi conoscere e di allargare il suo target.

In particolare ha messo in opera dei contratti di grande entità con varie aziende come per esempio la SNCF, le ferrovie francesi. La compagnia di assicurazioni tedesca propone ormai, infatti, un servizio di assicurazioni sui viaggi ai clienti del gruppo francese. Sempre con lo stesso obiettivo, Allianz ha creato un legame con il costruttore di automobili statunitense Ford tramite un contratto a 5 anni teso a proporre l’RCA ai clienti del marchio. Infine, Allianz propone i propri servizi alla società Uber assicurando tutti gli autisti che lavorano per questa società nonché i loro veicoli. In tal modo ha considerevolmente aumentato la propria presenza sui mercati delle assicurazioni RCA e viaggi in Europa.

Allianz ha ovviamente anche saputo rilanciare la propria immagine aziendale diventando partner o sponsor di vari eventi sportivi. Questa strategia a doppio canale gli permette di posizionarsi come leader incontestato in diversi settori assicurativi.

 

Analisi della quotazione delle azioni Allianz

La prima cosa che si nota osservando i grafici borsistici storici delle azioni Allianz è l’elevata stabilità di questo titolo nonché la presenza di numerosi micromovimenti che fanno sì che queste azioni siano molto redditizie a breve e a medio termine.

In questo periodo il titolo ha raggiunto un suo massimo a 177,14 € a giugno 2007. Ne è seguita una correzione al ribasso che ha portato il titolo ad un minimo di 56,55 € a novembre 2008. Dopo questo ribasso, le azioni Allianz seguono una curva rialzista stabile che prosegue attualmente.

Da febbraio 2009 una prima tendenza rialzista a dente di sega permette al titolo di superare la barra dei 100€ raggiungendo la quotazione di 106,50€ a febbraio 2011. Questa improvvisa crescita dei prezzi dà poi ovviamente luogo ad una correzione al ribasso verso quota 59,02€ a settembre dello stesso anno.

Ma la tendenza rialzista di fondo sembra ben decisa a proseguire visto che il titolo guadagna nuovi punti dapprima a novembre 2012, rompendo nettamente la soglia dei 100€, e poi ad aprile 2015, con il superamento di una nuova soglia importante a 150€ e il raggiungimento di un massimo a quota 169,70€. In seguito gli investitori sono indecisi tra prendere posizione all’acquisto o piuttosto vendere ed intascare gli utili e ciò comporta numerose fluttuazioni molto volatili in un periodo brevissimo. Alla fine, a luglio 2016 il titolo ritorna a quota 122,45€.

Ma dopo questo periodo la tendenza rialzista si accelera e si assiste ad una nuova fiammata dei prezzi delle azioni Allianz. La quotazione di questo attivo raggiunge infatti un nuovo massimo a 182,80€ a luglio 2017.

L’avvicinarsi di una nuova soglia significativa a 200€ determinerà l’avvenire di questo titolo che potrebbe benissimo subire una leggera correzione prima di accelerare ulteriormente la sua crescita. È quindi bene tenere d’occhio da vicino la tenuta o la rottura di questa importante resistenza.

 

Fare delle previsioni sulla quotazione delle azioni Allianz

Per realizzare delle previsioni sulla quotazione delle azioni Allianz, basta concentrarsi sugli indicatori giusti e seguire gli eventi che hanno degli effetti diretti su questo mercato. Tra gli elementi da seguire troviamo:

  • Gli indicatori tecnici come l’analisi delle tendenze
  • La salute economica dei settoribancario ed assicurativo
  • L’evoluzione di questo settore ed il livello di concorrenza
  • Lo sviluppo di nuovi prodotti del gruppo

 

Perché e come trattare sulla quotazione delle azioni Allianz

Da ormai alcuni anni le azioni Allianz fanno parte delle azioni più popolari e allettanti per gli investitori privati in particolare grazie alla sua recente elevata acquisizione di punti. Nel 2016 il gruppo ha pubblicato dei risultati che andavano al di là delle già ottime previsioni inducendo così un rialzo notevole della quotazione delle sue azioni sul mercato.

Anche le previsioni a più lungo termine su questa società sono altrettanto positive perché il gruppo le ha recentemente riviste al rialzo per l’anno successivo. É anche previsto un riacquisto di titoli da parte dell’impresa per finanziare nuovi progetti.

È quindi decisamente interessante integrare le azioni Allianz al proprio portafoglio borsistico o puntare sul suo potenziale rialzista con delle posizioni lunghe tramite i CFD.

Come cominciare a trattare le azioni Allianz?

Trattare online le azioni Allianz è oggi possibile grazie ai broker Forex che propongono dei CFD borsistici. Scoprite uno di essi con i suoi numerosi vantaggi aprendo un conto di trading in alcuni minuti.

I CFD sono degli strumenti complessi che presentano un elevato rischio di perdita rapida di capitale a causa dell’effetto leva. Una percentuale di conti di clienti privati compresa tra il 74% e l’89% perde denaro in occasione della negoziazione di CFD. Per utilizzare questi strumenti è indispensabile essere certi di comprendere il funzionamento dei CFD e di potersi permettere di assumere l’elevato rischio di perdere il proprio denaro.