eToro
Plus500
Valutazione: 4.30 37 voti
 

Comprare le azioni Air Liquide con i CFD

Alcune imprese francesi del settore chimico sono particolarmente apprezzate dai trader per il loro forte potenziale a breve come a lungo termine. È questo il caso della società Air Liquide di cui vi presentiamo le azioni nel dettaglio.

 

Le azioni Air Liquide in breve

  • Capitalizzazione borsistica totale: 33.480,85 milioni di euro
  • Numero di titoli: 344.382.342
  • Piazza di quotazione: Euronext Paris
  • Mercato: Compartiment A
  • Indice: CAC 40
  • Settore di attività: chimica

 

L’attività della società Air Liquide

Air Liquide è un gruppo francese che si colloca tra i più grandi produttori di gas industriale e medicale al mondo. La sua attività si può suddividere in tre grandi poli:

  • I gas industriali e medicali che rappresentano il 90% del volume d’affari: ossigeno, azoto, idrogeno e gas di sintesi. Air Liquide produce anche attrezzature e servizi di controllo dei sistemi di fluidi, di gestione dei gas e dei liquidi chimici, di cure a domicilio e di igiene ospedaliera.
  • I materiali di saldatura e taglio per un 3,4% del volume d’affari.
  • I prodotti di chimica fine e per sommozzatori per l’1.8% del volume d’affari

Il rimanente volume d’affari di Air Liquide viene prodotto dall’ingegneria e dalla costruzione di officine di produzione di gas. Il gruppo tocca principalmente i mercati europeo, americano e asiatico.

 

Conoscere la concorrenza delle azioni Air Liquide

La società francese Air Liquide ha lanciato il proprio settore di attività ed è quindi contemporaneamente pioniere del suo settore e numero uno mondiale. Sebbene svolga delle attività ben specifiche e che poche aziende siano in grado di contrastarla su questo mercato, l’azienda subisce comunque la concorrenza diretta di alcuni gruppi che è importante conoscere.

Il più grande concorrente attuale della società Air Liquide è senza dubbio il gruppo tedesco Linde AG, specialista del gas e dell’ingegneria che opera anch’esso sul mercato europeo e cerca di svilupparsi nel resto del mondo.

Il secondo serio concorrente che bisogna tenere d’occhio prima di trattare le azioni di Air Liquide è lo statunitense Praxair che è attualmente il leader del settore dei gas industriali in America del Nord e del Sud e che fa parte dei più grandi nomi di questo settore d’attività nel mondo.

Infine, il terzo e ultimo concorrente di Air Liquide è un altro gigante statunitense, il gruppo Air Products and Chemicals che è specializzato in gas industriali e per la medicina. Quest’ultimo gruppo rappresenta una minaccia molto seria per via delle sue capacità di sviluppo sui mercati internazionali.

Quando realizzate le vostre analisi della quotazione delle azioni Air Liquide per fare delle previsioni su quelle che saranno le future evoluzioni della loro quotazione, dovete ovviamente effettuare un’analisi tecnica completa confrontando le figure osservate a quelle storiche per poter poi anticipare le tendenze future. Dovrete però anche realizzare un’analisi fondamentale completa integrandovi uno studio della concorrenza nel settore. Per farlo, vi consigliamo di informarvi sui risultati finanziari di ciascuna di queste aziende e confrontare quindi le loro quote di mercato. Le news del settore come le operazioni di fusione/acquisizione nonché la sottoscrizione di nuovi contratti di rilievo sono anch’essi da prendere in considerazione. Troverete l’insieme delle informazioni di cui avete bisogno direttamente presso il vostro broker.

 

Le alleanze strategiche messe in opera dal gruppo Air Liquide

Se la società Air Liquide detiene da lunga data la maggior parte del mercato dei gas industriali è in buona misura perché ha saputo conservare la sua posizione di leader grazie ad una strategia di sviluppo basata sulla messa in opera di partenariati e di alleanze strategiche con altre aziende di settori sia prossimi che distanti dal suo.

Air Liquide si è alleata in particolare con un altro specialista e leader nel suo settore, la francese Arcelormittal, che altro non è se non il più grande produttore mondiale di acciaio. Questo accordo si basa sulla fornitura a lungo termine da parte di Air Liquide di tutto l’ossigeno, l’azoto e l’argon necessario ai siti di produzione delle zone industriali francesi di Arcelormittal.

Air Liquide è anche associata al costruttore di automobili giapponese Toyota Tsusho per la fornitura di idrogeno per i veicoli elettrici della marca.

Infine, Air Liquide si è anche associata a Carrefour con cui ha inaugurato una nuova stazione di energia pulita nel 2017 nella città di Sevron. Questa stazione ha come obiettivo di rifornire gli autotrasportatori con bioGNV (gas naturale bio per veicoli) e con azoto, per i camion che dispongono di un gruppo criogenico.

 

Analisi del corso delle azioni Air Liquide

Stando ai grafici storici e all’analisi tecnica del corso delle azioni Air Liquide, si nota una forte tendenza rialzista che lascia presagire delle entrate interessanti a lungo termine per gli investitori.

Questa tendenza è iniziata nel gennaio 2009 a livello di 43,84 € ed ha permesso il raggiungimento di un massimo storico di 122,95 € nel novembre 2015. Da allora, il prezzo delle azioni Air Liquide è passato di nuovo sotto la barra dei 100 € e si evolve in maniera stabile, leggermente al ribasso.

Appena dopo il raggiungimento di questo picco si assiste ad una fortissima correzione al ribasso con un’elevata volatilità certamente dovuta ad un ritiro di massa degli utili in seguito al raggiungimento della soglia psicologica dei 120€. La quotazione delle azioni Air Liquide ritorna così a quota 91,41€ a gennaio 2016. Ad aprile 2016 la quotazione di questo attivo tenta un nuovo sfondamento al rialzo riguadagnando temporaneamente alcuni punti fino a 102,17€ prima di ricadere sotto la barra dei 100€.

Bisogna attendere la fine del 2016 perché la quotazione riprenda realmente la direzione di una tendenza rialzista più marcata con un nuovo superamento della linea psicologica dei 100€. A partire da questo momento il titolo evolve a dente di sega ma al rialzo e raggiunge due nuovi picchi, il primo a 106,05€ a dicembre 2016 e il secondo a 115,15€ a maggio 2017. Sfortunatamente, una nuova correzione al ribasso sembra aver prevalso su questo tentativo di rialzo con un ritracciamento mediamente volatile ma comunque ben visibile.

Malgrado l’attuale calo della quotazione delle azioni Air Liquide, la tenuta del supporto dei 100€ potrebbe indurre un nuovo rialzo volatile a medio termine. Tuttavia, se questo livello dovesse cedere in maniera netta al ribasso, ci si potrebbe attendere una correzione importante. È quindi consigliabile tenere d’occhio attentamente questo indicatore prima di prendere delle posizioni lunghe. Per via dell’interessantissima volatilità di questo attivo le posizioni a più breve termine rimangono raccomandabili, utilizzando di preferenza un effetto leva medio e controllato e basandosi sui dati dell’analisi tecnica.

 

Fare delle previsioni sul corso delle azioni Air Liquide

Per fare delle previsioni sul corso delle azioni Air Liquide basta concentrarsi sugli indicatori giusti e seguire gli eventi che impattano direttamente il mercato. Tra questi elementi da tenere d’occhio si trovano:

  • Gli indicatori tecnici come l’analisi delle tendenze
  • La salute economica del settore chimico e delle tecnologie medicali
  • Le innovazioni tecnologiche e le novità del gruppo
  • Il prezzo delle materie prime
  • Il livello della concorrenza di questo settore di attività

Come cominciare a trattare le azioni Air Liquide?

Prima di cominciare a trattare le azioni Air Liquide, create il vostro conto di trader online beneficiando di una delle migliori piattaforme di trading del momento!

I CFD sono degli strumenti complessi che presentano un elevato rischio di perdita rapida di capitale a causa dell’effetto leva. Una percentuale di conti di clienti privati compresa tra il 74% e l’89% perde denaro in occasione della negoziazione di CFD. Per utilizzare questi strumenti è indispensabile essere certi di comprendere il funzionamento dei CFD e di potersi permettere di assumere l’elevato rischio di perdere il proprio denaro.