Indice Green Economy: spazio per tutti

Indice green economy 2014

La classifica della Green Economy 2014, stilata da Fondazione Impresa, restituisce la  fotografia di un’Italia “a macchia di leopardo” dove i classici squilibri Nord-Sud vengono superati e dove l’economia verde è “patrimonio di tutti”: in questa edizione dell’Indice di Green Economy, ai primi 10 posti della classifica si trovano 4 regioni del Nord (Trentino Alto Adige 1°, Valle d’Aosta 3°, Veneto 9° ed Emilia Romagna 10°) 3 del Centro (Marche 2°, Toscana 5° e Umbria 7°) e 3 del Mezzogiorno (l’Abruzzo è 4° ad un passo dal podio della Green Economy, la Basilicata è al 6° posto e la Calabria all’8°). Scarica lo studio completo di Fondazione Impresa pubblicato in anteprima da Corriere Economia del 2 febbraio 2015 – Indice di green economy 2014

Il podio della Green Economy 2014

Trentino Alto Adige regione più green d’Italia

  • domina la classifica grazie ad un rendimento efficiente nella maggioranza degli indicatori green. In più di un terzo degli indicatori (8 su 21) si posiziona sempre nelle prime 3 posizioni e solamente in 4 indicatori su 21 scende sotto metà classifica (11° posto o peggiore).
  • leader assoluto nelle detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazioni energetica (51,5 ogni 1.000 abitanti, più del doppio della media italiana che si “ferma” a 24,1) e per qualità ambientale dei prodotti (56,1 licenze ecolabel ogni 100 mila imprese vs il 6,0 del caso Italia).

2° posto per le Marche, determinato:

  • da due leadership assolute: la regione fa registrare sia la potenza solare-fotovoltaica in conto energia installata più elevata d’Italia (654,8 Kw ogni mille abitanti) sia il più elevato numero di punti vendita di prodotti biologici (16,0 ogni 100 mila abitanti).
  • da un rendimento costante attraverso quasi tutti gli indicatori green con solo 4 casi su 21 dove le Marche si posizionano al di sotto di metà classifica (11° posto o peggiore). Si ricordano, in particolare, anche degli ottimi posizionamenti nella qualità ambientale dei prodotti (4° per licenze ecolabel), raccolta differenziata (4° posto, nel 2013 ha superato il 55%) e alloggi-agrituristici (5°).

Al 3° posto la Valle d’Aosta

  • la regione va a podio con un terzo degli indicatori (7 su 21) e fa registrare ben 4 primi posti assoluti: energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili, carbon intensity, qualità ambientale delle organizzazioni/imprese e più bassa percentuale di famiglie che dichiarano sporcizia nelle strade (12,1% vs 28,6% della media italiana).
  • non mancano comunque aspetti da migliorare come i tre ultimi posti rispettivamente nel numero di alloggi agri-turistici, licenze ecolabel e nei consumi elettrici coperti da fonti rinnovabili al netto dell’idrico.

Le rivelazioni del 2014: Abruzzo 4°, Basilicata 6°, Calabria 8°

L’Abruzzo si colloca al 4° posto (tra le performance migliori si registra il 2° posto per dotazione di parcheggi e tre quarti posti: carbon intensity, alloggi agri-turistici e quota di rifiuti smaltiti in discarica). La regione in questione non “conta” nessun primato ma si posiziona molto bene risultando nella parte alta della classifica in 13 casi su 21 (posizionamenti dal 10° posto in su).

La Basilicata, si posiziona al 6° posto dell’Indice di Green Economy 2014 e in 6 indicatori su 21 risulta ai primi tre posti. In 10 indicatori su 21 il risultato è di “seconda fascia” (ovvero la regione lucana si posiziona dall’11° posto in poi) e questo determina la migliore performance complessiva fatta registrare dalle altre regioni che la precedono e che, al di fuori della Valle d’Aosta, non presentano ultimi posti.

All’8° posto la Calabria, che per una volta, rispetto alle classifiche socio-economiche, non è fanalino di coda. Anzi, dal punto di vista della Green Economy, in 5 indicatori su 21 la regione calabra ottiene il podio risultando leader del biologico: 1° per operatori nel biologico (361,9 ogni 100 mila abitanti vs 86,2 dell’Italia) e ancora top score per % di superficie agricola coltivata in modo biologico (25,2% vs 10,2% della media italiana). La performance calabrese potrebbe ancora migliorare praticando alcuni sforzi sul tema dei rifiuti dove la regione compare nel fondo della classifica: 19° per raccolta differenziata  e 18° posto sia per percentuale di rifiuti in discarica sia per sporcizia nelle strade.

Le conferme dal Centro Italia: Toscana (5°) e Umbria (7°)

A partire dal 2° posto nella classifica della green economy da parte delle Marche anche Toscana e Umbria si posizionano nella parte alta della classifica. E’ il Centro Italia (Lazio escluso), a presidiare la green economy con “3 posti tra i magnifici 7”.

La Toscana (5°) conta il primato per il risparmio energetico ottenuto attraverso i certificati bianchi (467,7 tep ogni 1.000 abitanti) e un terzo posto per qualità ambientale dei prodotti (13,3 licenze ecolabel ogni 100 mila imprese). Non vi sono altre eccellenze ma quello che colpisce è l’ottima costanza di rendimento con un totale di 15 indicatori (sui 21 presi in esame) in cui la Toscana si inserisce nella parte alta dei rank (dal 10° posto in su).

Umbria (7° posto green): le migliori performance si registrano per alloggi agri-turistici (leadership con 5,9 ogni 10 mila arrivi turistici e 2° posto per punti vendita bio (15,2 ogni 100 mila abitanti). Discreta la performance media: nelle classifiche 13 volte su 21 si colloca nella parte alta della classifica (primi 10 posti) e solo nell’indicatore utilizzo dei mezzi pubblici la regione risulta ultima (20° posto).

Le grandi regioni che si “salvano”: Veneto (9°), Emilia Romagna (10°), Piemonte (11°) e… “in extremis” la Lombardia

Veneto, Emilia Romagna e Piemonte presentano un risultato migliore della media italiana e, in questo senso, si “salvano”Veneto (9° posto): primeggia nella raccolta differenziata (64,6%) e nella dotazione di parcheggi (52,3 ogni 1.000 auto), mentre conta due 3° posti per densità di piste ciclabili (63,2 km per km2) e rifiuti in discarica (8,9% vs media italiana del 36,9%). Di converso in più della metà degli indicatori (13 su 21) si posiziona nella parte bassa della classifica (11° posto o peggiore) e in due casi la regione è quasi fanalino di coda: 19° posto sia per superfice agricola coltivata biologicamente che per alloggi agri-turistici.

Al 10° posto nel mezzo della classifica l’Emilia Romagna. Tra i migliori risultati si contano due terzi posti: per dotazione di parcheggi (30,4 per 1.000 auto) e per quota di famiglie che dichiarano presenza di sporcizia nelle strade (18,3%). È invece ultima per merci in ingresso e in uscita (36,3 tonnellate per abitante, un valore circa doppio rispetto a quanto fatto registrare dalla media italiana) e penultima per utilizzo dei mezzi di trasporto (appena il 13,5% vs il 20,7% del caso Italia).

Piemonte: 11° posto e, così come per l’Emilia Romagna, può contare solamente su due migliori risultati (2 gradini bassi del podio): detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica (3° posto con 43,1 ogni 1.000 abitanti) e risparmio energetico certificato con i certificati bianchi (3° posto con 332,1 tep ogni 1.000 abitanti). Tuttavia in più della metà degli indicatori (12 su 21) la regione si posiziona nella parte bassa della classifica (11° posto o peggiore).

Anche se la Lombardia si colloca al 15° posto, si “salva in extremis”. Le ragioni sono principalmente due:

  • perché attraverso i 21 indicatori dell’IGE presenta due eccellenze (primo posto per rifiuti smaltiti in discarica e densità di piste ciclabili);
  • perché il risultato finale derivante dalla standardizzazione delle variabili è quasi identico (-0,129) alla media italiana (-0,124). Certo che con 11 posizionamenti nelle parti basse delle classifiche, tra cui 2 ultimi posti (per operatori nel biologico e autobus ogni 1.000 abitanti) il risultato è comunque limitante, un 15° posto insolito specie se confrontato con le classifiche economiche che vedono la regione sempre ai primi posti.

Le grandi regioni che “soffrono”: Puglia e Campania

Entrambe le regioni scontano una prevalenza di posizionamenti nelle parti basse delle classifiche (in 13 indicatori su 21) ma mentre la Puglia può contare su più posizionamenti favorevoli (3 volte a podio con 3 secondi posti negli indicatori potenza solare-fotovoltaica installata, qualità ambientale dei prodotti e risparmio energetico certificato con i certificati bianchi), la Campania può “beneficiare” solo di un 1° posto per merci in ingresso/uscita su strada ed è fanalino di coda in 3 indicatori (punti vendita bio, detrazioni fiscali 55% e qualità ambientale prodotti).

La “black list” della Green Economy 2014: Lazio e Sicilia

Rispetto ai 21 indicatori della green economy 2014, per ben 15 volte il Lazio risulta nelle parti basse della classifica (11° posto o peggiore); inoltre risulta terzultimo per punti di vendita bio (4,2 ogni 100 mila abitanti) e dotazioni di parcheggio (7,7 ogni 1.000 auto), penultimo per energia elettrica da fonti rinnovabili (meno del 19%) e ultimo per maggiore numero di famiglie che dichiarano la presenza di sporcizia nelle strade (il 45,9%). Ultimo posto per la Sicilia. In 3 indicatori è fanalino di coda: risparmio energetico certificato, qualità ambientale delle organizzazioni  e raccolta differenziata; si “contano” anche 4 penultimi posti (punti di vendita bio, densità di piste ciclabili, dotazione di parcheggi e rifiuti smaltiti in discarica) e 3 terzultimi posti (energia elettrica da fonti rinnovabili, carbon intensity e detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici).

Scarica lo studio completo di Fondazione Impresa pubblicato in anteprima da Corriere Economia del 2 febbraio 2015 – Indice di green economy 2014

Lascia un commento

Devi effetuarel'accesso per scrivere un commento.